Abolizione del Senato

banner-sito-SENATO

L’attuale finta riforma di Renzi non abolisce il Senato (come del resto prima non ha abolito le Province), ma abolisce la democrazia in Senato, trasformandolo in una Camera a elezione di secondo grado che toglie la possibilità per i cittadini di scegliere i senatori.

Al posto del popolo saranno le segreterie dei partiti a scegliere i rappresentanti, consiglieri regionali e sindaci, che verranno distolti dalle loro mansioni e a cui verrà concessa persino l’immunità parlamentare.

Sarebbe stato più semplice, incisivo e rispondente alle necessità di maggior efficienza abolire veramente il Senato e avere una sola Camera legislativa.

 

Commenti chiusi